Attualità

E.ON: bene il primo semestre e la gestione delle alluvioni

Una risposta su larga scala efficace ha ripristinato rapidamente il servizio elettrico nelle aree della Germania colpite dalle inondazioni, mentre le performance commerciali di E.On e l'accordo sui diritti di produzione di energia residua hanno portato a un aumento degli utili nel primo semestre 2021.

Il Gruppo E.ON ha ripristinato quasi completamente il servizio elettrico nelle zone della Germania colpite da catastrofiche tempeste a metà luglio. Sono stati rapidamente riuniti circa mille dipendenti e specialisti da tutto il paese per aiutare la filiale Westenergie a fornire assistenza rapida nelle aree della rete interessate. Presentando i risultati del primo semestre dell’azienda, il CEO di E.ON Leonhard Birnbaum ha espresso solidarietà alle famiglie delle vittime del disastro, ringraziando tutti i dipendenti che sono stati impegnati nella risoluzione dei danni causati dalla catastrofe.

Birnbaum ha sottolineato l’importanza di avere un’infrastruttura solida: “Gli eventi catastrofici sono serviti come un doloroso promemoria dell’importanza fondamentale di infrastrutture energetiche affidabili e resilienti. Le reti di distribuzione che operiamo sono particolarmente cruciali per la vita quotidiana delle persone”. Birnbaum ha quindi invitato i responsabili politici tedeschi ad accelerare i processi di consenso e a stabilire un ragionevole tasso di ritorno sugli investimenti nelle reti energetiche: “Infrastrutture forti e affidabili richiedono finanziamenti solidi. Richiede anche un quadro normativo competitivo a livello internazionale per consentire agli investitori di mobilitare il capitale necessario per questa infrastruttura”.

Ancor prima che la Germania rendesse i suoi obiettivi climatici più ambiziosi, E.ON e RWTH Aachen University hanno condotto uno studio i cui calcoli hanno mostrato che il paese dovrà investire più di 110 miliardi di euro in infrastrutture di rete di distribuzione entro il 2050. I nuovi obiettivi climatici della Germania accelereranno la necessità per questi investimenti.

Birnbaum ha anche sottolineato l’importanza degli obiettivi di sostenibilità: la società mira infatti ad essere carbon neutral entro il 2040. In tema di biodiversità, sostegno espresso al “Decennio per il ripristino degli ecosistemi” del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente. Nell’ambito di questa partnership, E.ON sta trasformando un’area delle dimensioni di 100mila campi da calcio in preziosi biotopi. A tal fine investirà una somma di milioni a due cifre e si è impegnata ad adottare la gestione dei corridoi ecologici a livello di Gruppo entro il 2026.

Il CFO Marc Spieker ha commentato i risultati di E.ON per la prima metà del 2021. L’attività operativa della società energetica ha registrato ottimi risultati nei primi sei mesi dell’anno. Le vendite sono aumentate di 2,4 miliardi di euro anno su anno a 33 miliardi di euro. EBIT rettificato del primo semestre nelle attività principali di E.ON di circa 2,4 miliardi di euro è stato del 26% superiore alla cifra dell’anno precedente di 1,9 miliardi di euro. L’EBIT rettificato per il Gruppo E.ON è aumentato del 45% rispetto al periodo di riferimento 2020, da 2,2 miliardi di euro a 3,2 miliardi di euro. L’utile netto rettificato di 1,8 miliardi di euro è stato dell’86% superiore alla cifra dell’anno precedente di 950 milioni di euro.

I risparmi sui costi nel settore delle vendite nel Regno Unito hanno avuto un impatto positivo sugli utili del secondo trimestre. Nei primi sei mesi del 2021 E.ON ha ampiamente compensato le ripercussioni economiche della pandemia di Covid-19, che ha avuto un impatto negativo significativo sulle operazioni di E.ON nella prima metà del 2020. Rimborso degli acquisti di diritti di produzione residui derivanti da l’attuazione dell’accordo di diritto pubblico tra il governo federale tedesco e i gestori delle centrali nucleari del paese è stato un altro fattore.

www.eon-energia.com

production mode