Attualità

VMC termodinamica di MyDatec nel centro di Milano

L’Ing. Lodovico Mascardi, residente a Milano in una zona del centro ad elevato traffico veicolare, ha optato per una soluzione MyDatec nell’ambito della ristrutturazione della propria abitazione.

 

mydatec 1

IL PERCHÉ DELLA SCELTA IMPIANTISTICA 

“Lo stabile in questione è un immobile storico del 1865, di circa 140 m2, situato al 2° piano in una zona ad elevato traffico veicolare e cittadino come quella dei Navigli. Consci di questo problema, abbiamo optato in primis per l’acquisto di serramenti al top di gamma sia in termini di isolamento acustico che termico. Ciononostante è apparsa chiara sin da subito l’esigenza di una ristrutturazione radicale che consentisse di risolvere anche il problema del ricambio d’aria all’interno dell’appartamento, dal momento che la continua apertura di finestre e portefinestre avrebbe reso del tutto inutile l’installazione di serramenti volti a contrastare l’inquinamento acustico generato da una zona molto frequentata anche di sera.

“La scelta di una macchina MyDatec è nata proprio dalla necessità di combinare tutte queste esigenze, ma a questo punto, si presentavano due opzioni: scegliere tra un recuperatore passivo o uno termodinamico. Nel nostro caso, la scelta è ricaduta su una soluzione termodinamica che in estate pur non fornendo un vero e proprio condizionamento, garantisce comunque raffrescamento e deumidificazione degli ambienti. Considerando infatti che i tradizionali impianti di condizionamento espongono solitamente a costi medio-alti di installazione e di consumo energetico, ho preferito optare per un sistema VMC termodinamico che mi assicura il massimo comfort in termini di rinnovamento dell’aria e di isolamento acustico in sinergia con i serramenti di ultima generazione. Oltretutto, necessitavo di una soluzione come quella offerta da MyDatec anche per evitare l’ingresso di cattivi odori dall’esterno, dal momento che al pian terreno dello stabile sono presenti due esercizi commerciali adibiti a ristorante”.

 

 mydatec 2

TEMPI E FASI DI IMPLEMENTAZIONE DELLA MACCHINA MYDATEC

“Contrariamente a quanto si potrebbe credere, il processo di ristrutturazione dell’immobile atto a consentire l’implementazione della macchina MyDatec è stato piuttosto rapido.

“Una volta contattato il servizio clienti dell’Azienda, ho inoltrato semplicemente una mail con la piantina del mio appartamento da cui è stato elaborato un progetto di massima sulla base della metratura e delle mie esigenze specifiche. Si è trattato di un processo davvero semplice, durante il quale ho dovuto soltanto indicare la preferenza tra la macchina verticale o orizzontale.

“A quel punto, ho ricevuto in tempi brevi la piantina del mio appartamento con indicazioni precise relative alle canalizzazioni da realizzare per le cassette di distribuzione ed il preventivo completo. Questo mi è sembrato un aspetto molto importante del servizio offerto da MyDatec che segue il cliente in ogni passaggio dell’installazione fornendo un kit completo che rende quindi davvero agevole l’implementazione della macchina.

“Una volta concluso l’acquisto, trattandosi di uno stabile storico, è apparsa subito evidente la necessità di abbassare il soffitto del corridoio centrale su cui affacciano tutte le stanze, in modo da consentire l’installazione delle bocchette di aerazione del sistema di ventilazione interno. In ogni caso, l’impatto sulla ristrutturazione può dirsi davvero limitato e nel nostro caso, abbiamo usufruito della canna di esalazione posta sul tetto per lo scarico dell’aria viziata, mentre per l’aspirazione dall’esterno abbiamo ricreato uno spazio nel telaio della finestra ricavandone nella parte superiore un cassonetto di aspirazione. Infatti, oltre ai serramenti di ultima generazione e alle tubazioni coibentate, non è stato necessario prevedere ulteriori accorgimenti per usufruire al massimo dei benefici della VMC.

Per quanto riguarda la macchina, invece, la sua installazione è avvenuta all’interno di un locale tecnico adibito a mini lavanderia. In fase di acquisto, ho preferito la macchina Smart V ad installazione verticale rispetto a quella orizzontale poiché appesa al muro avrebbe occupato un volume comunque inutilizzabile per altri scopi. Le dimensioni della macchina la rendono inoltre adatta anche per l’implementazione in locali tecnici di scarsa metratura, come nel mio caso che misura all’incirca 1×2 m”.

 

PLUS

Funzionamento estremamente semplice ed intuitivo. Mediante il termostato è possibile impostare agevolmente la temperatura desiderata e scegliere tra la modalità estate o inverno

Non più problemi legati all’umidità o alla condensa, al rumore proveniente dall’esterno, alla presenza di aria viziata o di cattivi odori legati all’ambiente circostante.

Anche in termini di risparmio energetico la differenza è evidente: infatti, il calore che si produce ad esempio in cucina non viene disperso all’esterno come quando vengono spalancate le finestre per ridurre i problemi di condensa, ma al contrario viene recuperato dall’impianto e questo contribuisce enormemente al risparmio in bolletta.

Ulteriori aspetti positivi sono la totale silenziosità della macchina durante il suo funzionamento e la possibilità di prevedere la sua implementazione senza inficiare minimamente sugli aspetti estetici dell’appartamento, dal momento che le bocchette di ventilazione sono di dimensioni assai ridotte e tra l’altro possono essere pitturabili con gli stessi colori delle pareti.

 

www.mydatec.com/it/

production mode